11 DICEMBRE 2011

RADUNO CONVIVIALE DI FINE ANNO IL QUESTORE DI CASERTA DR. GUIDO NICOLO’ LONGO RICORDA LE VITTIME DEL DOVERE.

 

Come da consuetudine, domenica 11 dicembre, 150 persone fra soci e loro familiari si sono riuniti presso il ristorante “VALLE VERDE” di Sant.Angelo in Formis Capua (CE) per il pranzo conviviale di fine anno. In apertura della manifestazione, dopo i ringraziamenti espressi dal presidente TAVANO, alle autorità intervenute ed a tutti i convenuti al raduno, è stato osservato un minuto di raccoglimento per onorare la memoria dei caduti della Polizia di Stato e dell’Ispettore Capo Antonio RAIMONDO, Medaglia d’Oro al Valor Civile, al quale è intitolata la Sezione ANPS di Santa Maria Capua Vetere. Alla manifestazione è intervenuto anche il Questore della Provincia di Caserta, Dott. Guido Nicolò LONGO, al quale il Presidente TAVANO , dopo il saluto di ben venuto, ha consegnato una penna personalizzata A.N.P.S. in ricordo. Il Questore, a sua volta ha consegnato la croce di Cavaliere della Repubblica al Merito al Consigliere Antonio MEROLA e targa ricordo ai soci Leonardo DAMIANO e Armando CUPOLINO, per l’impegno profuso e la costante disponibilità generosamente prestata verso il sodalizio. Il Questore nel suo intervento ha espresso parole di apprezzamento per tutte le attività svolte dall’Associazione nel 2011 ed ha sottolineato l’importanza del raduno conviviale dei soci dell’A.N.P.S. in quanto non è finalizzato soltanto ad un momento di aggregazione, ma è l’occasione per ricordare tutti i caduti della Polizia di Stato, ha sottolineato il vincolo di fratellanza esistente fra i poliziotti in pensione e quelli tutt’ora in servizio, in quanto mantiene saldo lo spirito di sacrificio che accomuna tutti gli appartenenti alla Polizia di Stato. Alla manifestazione erano presente, tra l’altro i famigliari di BACCARO Giuseppe, vittime de dovere.  Nel corso del conviviale, il Questore di Caserta, ha elogiato lo chef Antonio PAGANO, per la sua bravura nel preparare le specialità gastronomi. L’incontro si è concluso con lo scambio, fra i partecipanti, degli auguri di Buon Natale e felice anno nuovo.

02 DICEMBRE 2011

 

6° TORNEO DI BILIARDO IN MEMORIA DELL’AGENTE CARLO BUONANTUONO UCCISO DAI N.A.R.

Dal 7 novembre al 2 dicembre, nei locali della Sezione si è disputato il 6° torneo di biliardo alla “Goriziana” organizzato dal Consiglio di Sezione e dai soci appassionati di tale gioco. Il torneo, che è stato dedicato alla memoria dell’Agente della Polizia di Stato Carlo BUONANTUONO, Medaglia d’Oro al Valor Civile, ha visto impegnati 40 soci, tra appartenenti alla Polizia di Stato e simpatizzanti dell’A.N.P.S Il torneo si è svolto ad eliminazione ed è stato vinto dal socio Antonio DE LUCA, mentre al posto si è classificato il socio Sergio MATTUCCI; i soci Ubaldo DE LUCA e Antonio SINISCALCHI, si sono classificati al e , posto. La gara è stata diretta dai Soci Giovanni STICCO e Aldo TIRONE, esperti di tale gioco. Ai primi due classificati è stata consegnata una coppa e un attestato, mentre al e classificati, è stato consegnato un attestato di partecipazione. Nel Corso della cerimonia di premiazione, il Presidente Michele TAVANO, ha consegnato due targhe ricordo ai nipoti della vittima del dovere, Sig.ri Alberto e Carlo ANTIGNANI; questi ultimi, a loro volta, hanno consegnato una coppa con diploma al 1° ed al secondo classificato. Prima della premiazione il Presidente TAVANO, ha ringraziato i partecipanti al torneo illustrando loro la figura dell’Agente Carlo BUONANTUONO, vittima del dovere, originario della provincia di Caserta.

L’Agente Carlo BUONANTUONO e Vincenzo TUMMINIELLO, insieme ad un terzo poliziotto, Franco EPIFANIO, erano i componenti di un equipaggio della D.I.G.O.S.,il 19 ottobre 1981, durante il servizio di pattuglia, in via Vallazze a Milano, intercettarono un’autovettura con a bordo alcuni terroristi della formazione di estrema destra (NAR). Quando cercarono di fermale l’auto, gli occupanti reaggirono aprendo il fuoco contro gli Agenti, uccidendo BUONANTUONO e TUMMINIELLO, mentre EPIFANIO rimaneva gravemente ferito. Due degli assassini vennero arresati nel 1983 dai Carabinieri a Milano gli altri nei mesi successivi”.ucciso il 19 Ottobre

BAGNO DI FOLLA AL PREMIO LEGALITÀ, INTERVENUTE NUMEROSE AUTORITÀ

Il 19 novembre 2011, si è tenuto a Calvi Risorta (Ce) il premio Legalità 2011, organizzato dalla Sezione A.N.P.S. di Santa Maria Capua Vetere (CE), dall'associazione culturale Demetra e dall’editore di www.calvirisortanews.it di Vito Taffuri. La manifestazione che ha visto la partecipazione di centinaia di persone, esponenti dell'associazionismo, delle forze dell'ordine e della magistratura è stata aperta da una tavola rotonda sul tema: "Legalità e sicurezza pubblica in Campania". Nell'introdurre i lavori il giornalista Samuele Ciambriello ha evidenziato come " la legalità vive se c'è uguaglianza e il suo presupposto è l'art.3 della Costituzione. Ogni singolo cittadino deve vivere speranza e impegno. La speranza ha due figli: l'indignazione e il coraggio. L'impegno,vissuto con continuità, lealtà e trasparenza significa vivere l'etica della responsabilità, o meglio della corresponsabilità". Su questa scia il questore di Caserta Dr. Guido Nicola Longo, ricordando i suoi trascorsi in terra palermitana ho evidenziato come sia le forze dell'Ordine che la Magistratura, concordemente,combattono il crimine organizzato. Giovanni Marrocco, presidente dell'associazione Demetra ha voluto evidenziare il senso dell'iniziativa in una provincia che deve continuare ad essere ricordata come "terra del lavoro" e non terra di camorra. Gli ha fatto eco l'intervento e la testimonianza telefonica della professoressa Maria Falcone che ha detto "ci vogliono fatti concreti che penetrano,smuovono le coscienze dando speranza. Non bisogna abbattersi, no tacere." Nell'ambito della manifestazione è stato consegnato il Premio " Legalità " al Presidente Luigi Frunzio Direttore Generale degli Affari Penali del Ministero della Giustizia; ai familiari di Domenico Russo in servizio di scorta all’allora Prefetto di Palermo, Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, trucidato da Cosa Nostra; al Capo della Squadra mobile di Caserta Vice Questore aggiunto dott. Angelo Morabito; ai familiari di Domenico Pezzullo, deceduto durante l’attentato alle Torri Gemelli dell'11 settembre avvenuto negli Stati Uniti; all’Associazione Polis di Giancarlo Siani, giornalista del Mattino caduto in un attentato della camorra Napoletana; alla Dott.ssa Daniela Nugnes Consigliere Regionale Vittima del dovere; al Capitano Costantino Airoldi ufficiale dell’Arma dei Carabinieri che il 14 Gennaio 2009 arrestò Giuseppe Setola; al colonnello dei carabinieri Sergio De Caprio, conosciuto come «Capitano ultimo»; all’ispettore Capo Silvestro Cipro Coordinatore del Nucleo Scorte nonché Vice Comandante del Reparto di Polizia Penitenziaria del Ministero della Giustizia. Durante la manifestazione è stata premiata la piccola alluna Ida Renzi, di Calvi Risorta, che ha vinto il concorso poesia in occasione del premio legalità, scrivendo una poesia dedicandola al Giudice Giovanni Falcone. Numerosissime le autorità militari e civili presenti, tra cui Il Dirigente della Polizia Stradale di Caserta dott.ssa Giovanna Maria Rizzo, il vice Prefetto dr. Luigi Palmieri della Prefettura di Caserta; il Capitano Funari della guardia di finanza della compagnia di Capua, la dirigente scolastica dell’ICS di Calvi Risorta d.ssa Assunta Roviello; il Comandante del nucleo operativo Carabinieri di Sala Consilina (SA), Ten. Vincenzo Izzo; il Presidente del Consiglio Provinciale dr. Della Cioppa; il vice Presidente dell’Associazione nazionale Vittime del Dovere dr. Sergio Pomponio; il sindaco di Rocchetta e Croce (CE) Enzo Laurenza dell’Esercito; il Colonnello dell’Aeronautica Luigi Renga; il Colonnello dell’Esercito Marco Feola; il giornalista Elio Zanni corrispondente del Mattino; il sindaco di Giano Vetusto (CE) avv. Antonio Zona; e tantissime altre autorità.

29 OTTOBRE 2011

 

SAN TAMMARO – INTITOLAZIONE DI UNA STRADA AL POLIZIOTTO DOMENICO RUSSO

 

Erano da poco passate le nove di sera, in quel tragico 3 settembre 1982. La A/112 bianca, era guidata dalla moglie, Emanuela SETTI CARRARO, mentre lui, il Prefetto Carlo Alberto DALLA CHIESA, era seduto a lato passeggero. Percorrevano Via Isidoro Carini quando, all’improvviso , da una BMW, partirono alcune micidiali raffiche da un Kalashnikov AK 47, che non lasciarono scampo al Prefetto e alla sua giovane moglie. L’auto del prefetto con a bordo l’autista e l’Agente di scorta Domenico RUSSO, che seguiva la A/112, veniva affiancata da una motocicletta con a bordo due killer. Una raffica di mitra stroncò l’autista dell’Alfetta non blindata e ferì gravemente Domenico RUSSO, che resosi conto di quanto stesse accadendo, impugnava la pistola d’ordinanza, nel disperato tentativo di salvare la vita al Generale ed alla sua compagna. Il poliziotto originario di Santa Maria Capua Vetere (CE), spirò il 15 settembre successivo, all’età di soli 32 anni, lasciando la giovane moglie Filomena RIZZO e due bambini piccoli, Dino e Antonio. Insignito della Medaglia d’oro al Valor Civile. Con la seguente motivazione: “Di scorta automontata per il servizio di sicurezza ad eminente personalítà, assolveva al proprio compito con sprezzo del pericolo e profonda abnegazione. Proditoriamente fatto segno a numerosi colpi d’arma da fuoco esplosi a distanza ravvicinata da parte di alcuni appartenenti a cosche mafiose, tentava di reagire al fuoco degli aggressori nell’estremo eroico tentativo di fronteggiare i criminali, immolando così la vita nell’adempimento del dovere. Palermo, 3 settembre 1982.”Il Sindaco di San Tammaro (CE), Dr. Emiddio CIMMINO, su richiesta dell’Associazione, espletato l’iter amministrativo, in data 29 ottobre 2011, alla presenza del Dr. SAMMARCO, Vice Prefetto di Caserta, del Questore, Dr. Guido Nicolò LONGO, del Dirigente la Sezione Polizia Stradale di Caserta Dr.ssa Giovanna Maria RIZZO, Dirigente il Commissariato di Santa Maria Capua Vetere (CE), Dr. Arturo COMPAGNONE,Dirigente l’Ufficio personale della Questura, Dr. Riccardo DI VITTORIO, il Vescovo di Caserta, Mons. Bruno SCHETTINO, il Cappellano della Polizia di Stato, Don Claudio NUTRITO, l’assessore Stefano CIOFFI in rappresentanza del Comune di Macerata Campania (CE), i signori Giuseppe e Teresa RUSSO, fratello e sorella di Domenico RUSSO, la Sig.ra BACCARO, sorella di, altra vittima del dovere, Giuseppe BACCARO, numerose scolaresche del paese, numerosi soci e loro familiari e di semplici cittadini, ha intitolato una strada cittadina all’Agente scelto Domenico RUSSO. Per l'omicidio del Prefetto Dalla Chiesa, di sua moglie, Emanuela Setti Carraro e dell’Agente Scelto Domenico Russo sono stati condannati all'ergastolo come mandanti i vertici Cosa Nostra, nelle persone di Totò Riina, Bernardo Provenzano, Michele Greco, Pippo Calò, Bernardo Brusca e Nenè Geraci Nel 2002, sono stati condannati in primo grado quali esecutori materiali dell'attentato, Vincenzo Galatolo e Antonino Madonia entrambi all'ergastolo, Francesco Paolo Anzelmo e Calogero Ganci a 14 anni di reclusione ciascuno. Nella circostanza l’Amministrazione comunale ha intitolato la piazza antistante l’edificio scolastico “Edmondo De Amicis” al Sacerdote Don Pasquale GRAVINO, cittadino e porroco di San Tammaro.

15 OTTOBRE 2011

IL PRESIDENTE MICHELE TAVANO PORTA IN GITA 130 SOCI A PIETRELCINA, PAESE NATIO DI SAN PIO.

MESSA IN SUFFRAGIO AI CADUTI DELLA POLIZIA DI STATO E SOCI DEFUNTI.

 

Sabato 15 ottobre 2011, una comitiva di 130 soci e loro familiari, guidati, dal Presidente Michele TAVANO, a bordo di tre pullman, si sono recati in gita a Pietrelcina (BN), paese nativo di San Pio dove, dopo aver ascoltato la messa in onore ai caduti della Polizia di Stato, e soci defunti, celebrata nella cappella del Convento dei Frati Cappuccini, la comitiva ha effettuato un percorso di preghiera con la recita del Rosario, dal Convento, a Piana Romana, luogo dove San Pio ebbe le prime apparizioni. Dopo la consueta foto di gruppo, come da programma, la comitiva si è radunata presso il Ristorante “Padre Pio”, sito a Piana Romana, dove, dopo avere effettuato un minuto di raccoglimento in onore dei caduti della Polizia di Stato, hanno potuto gustare le specialità del luogo. A termine del pranzo il gruppo ha fatto visita ai luoghi dove il Santo è nato e vissuto la sua prima infanzia.

29 SETTEMBRE 2011

SAN MICHELE ARCANGELO PATRONO DELLA POLIZIA

 

Nel Duomo l’omelia del Vescovo di Caserta Mons. PIETRO FARINA - L’invito a coniugare la tutela della legge con il rispetto delle regole cristiane –Presenti tutte le autorità: il Prefetto, DR. EZIO MONACO, il Questore, Dr. GUIDO NICOLO’ LONGO, Il Presidente del Tribunale, DR. ANDRE DELLA SELVA, il Procuratore Capo, DR. CORRADO LEMBO. Il Cappellano della Polizia di Stato, DON CLAUDIO NUTRITO, il direttore della Scuola Allievi Agenti di Caserta, Dr.ssa ANOTONELLA VERTUCCI, il Dirigente la Sezione Polizia Stradale di Caserta, Dr.ssa GIOVANNA MARIA RIZZO e Autorità Civili e Militari. - L a Sezione sammaritana con il Presidente, Ispettore MICHELE TAVANO e numerosi associati, loro familiari e familiari delle vittime del dovere, ha rappresentato l’A.N.P.S. – Subito dopo la cerimonia religiosa, presso la Scuola Allievi Agenti di Caserta, è seguito il “ FAMILY DAY ” , con il coinvolgimento dei familiari degli operatori di polizia e la illustrazione dei mezzi e delle apparecchiature in dotazione alle varie specializzazioni della Polizia di Stato. Il Questore LONGO, nel suo intervento, ha detto: “L’immagine religiosa di S. Michele Arcangelo che sconfigge il drago è quanto mai attuale per rappresentare un’azione contro il male che, in questo caso, assume la forma della criminalità e assicurare e assicurare la pacifica convivenza ai cittadini ”

10 e 11 SETTEMBRE 2011

VERONA - 5° RADUNO DELL’A.N.P.S.

 

La manifestazione, che ha avuto come titolo “LA TRADIZIONE NEL FUTURO”, per gli aderenti al sodalizio, custodi delle tradizioni. E' stata l’occasione propizia per incontrarsi con i commilitoni con cui hanno condiviso il servizio di polizia, per dimostrare che è sempre vivo in loro lo spirito di appartenenza e di fratellanza che li accomuna ai colleghi più giovani che svolgono tuttora l’attività istituzionale. Nel capoluogo Veneto, storica città romana, il raduno è stata un’occasione festosa, per far conoscere da vicino le attività istituzionali della Polizia i Stato  attraverso le varie manifestazioni svoltesi nel pomeriggio di sabato. Nei due giorni i cittadini di Verona sono scesi in massa nelle strade per incontrare e manifestare ai poliziotti la propria vicinanza e l’apprezzamento per il servizio non sempre facile che essi svolgono. La Sezione di Santa Maria Capua Vetere (CE), guidata dal Presidente Michele TAVANO, Ispettore della Polizia in pensione, ha sfilato con il gruppo più numeroso della Campania, 52 persone, fra soci, familiari e simpatizzanti della Polizia di Stato.

<< Dicono che quando ti metti una divisa poi non te la togli più, se non altro dal cuore. Molti di noi quella divisa fisicamente hanno smesso di indossarla da tempo. Ma continuano a portarla, nella memoria e nei principi morali. Sono stae migliaia quelle divise che tra sabato e domenica 11 settembre, si sono ritrovati a Verona. Divise che quando erano indossate erano divise della Polizia di Stato. Hanno scelto di ritrovarsi in una città che quell’appartenenza l’ha pagata con cinque agenti uccisi, gli ex poliziotti e chi è ancora «operativo >>.

24 e 25 GIUGNO 2011

 “ una comitiva, composta da 53 persone tra soci, familiari e simpatizzanti dell'Associazione, guidata dal Presidente Michele TAVANO, si è recata in gita in Umbria. Nella cittadina di Gubbio ha effettuato un percorso artistico, culturale, attraverso il quale ha potuto osservare le più belle opere artistiche e architettoniche del Medioevo. L’escursione in città è iniziata con la visita alla Basilica di S. Francesco ed è proseguita per le strade della cittadina umbra, fino alla piazza della Signoria, ove si erge l’imponente e maestoso palazzo dei Consoli, al cui interno sono conservate e si osservano le più belle opere d’arte costituite da dipinti ed affreschi di pittori della scuola di Gubbio del XIV e XV Secolo. Sempre a Gubbio è stata visitata la basilica di Sant’ Ubaldo, patrono della città, che sorge sul fianco del Monte Ingino, dalla cui altura si osserva la città di Gubbio in uno splendido panorama verdeggiante. Nella serata la comitiva si è trasferita ad Assisi, fermandosi a visitare la maestosa Basilica di S. Maria degli Angeli, ove nel 1226 S. Francesco ha terminato il suo percorso terreno. Dopo una preghiera nella Basilica il gruppo ha partecipato alla fiaccolata che si è svolta nel grande piazzale antistante la Basilica. Nella mattinata seguente, i pellegrini, dopo avere ascoltato la SS. Messa ha ripreso il loro pellegrinaggio, visitando prima la Basilica di S. Chiara, poi la casa natia di S. Francesco ed in fine la Basilica Inferiore e la Basilica superiore del Santo. Nella basilica inferiore, davanti al Sepolcro, ove sono custodite le spoglie del venerato Santo, il Presidente TAVANO ed i pellegrini si sono fermati in raccoglimento ed hanno recitato una preghiera di pace per il mondo. Nel fare rientro la comitiva ha fatto visita anche alle cascate delle Marmore.  

    

29 MAGGIO 2011

 Nella mattinata del 29 maggio ha avuto luogo la gara podistica amatoriale “8° Memorial Antonio RAIMONDO”, organizzato in memoria dell’Ispettore Capo della Polizia di Stato Antonio RAIMONDO, Medaglia d’Oro al Valor Civile, caduto nell’adempimento del dovere, sull’isola di Procida in data 18.11.1995, circostanza in cui perse la vita anche l’infermiera Gaetanina SCOTTO di PERROTOLO. Alla partenza, in via Galatina all’altezza della Sezione A.N.P.S, si sono presentate circa 940 persone, di ambo i sessi, provenienti dai comuni della provincia di Caserta e della provincia di Napoli; moltissimi partecipanti erano appartenenti alla Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria, Esercito, Arma Carabinieri e Arma Aeronautica. Il Vice Questore Primo Dirigente, in pensione, Dott. Emilio ANTONUCCI, socio effettivo della Sezione, ha dato la partenza ai podisti. La camminata si è svolta lungo un percorso cittadino, di chilometri 5 e 10, secondo la preferenza del partecipante, ed ha interessato l’intera zona nord-est, ed anche il centro storico della città del Foro. Nel corso della manifestazione, in rappresentanza del signor Questore di Caserta, impedito per urgenti ed inderogabili impegni istituzionali, è intervenuto il Dott. Arturo COMPAGNONE, Dirigente del locale Commissariato della Polizia di Stato, che dopo il saluto del Presidente dell’A.N.P.S. Ispettore in congedo Michele TAVANO, ha premiato i primi tre arrivati al traguardo dei 10 km. per la categoria maschile e femminile e i primi tre, maschili e femminile, arrivati al traguardo per il percorso dei 5 km. Sono stati premiati, con la consegna di un cesto di generi alimentari anche gli atleti di ambo i sessi arrivati al traguardo fino al 50° atleta. Infine a tutti i partecipanti è stato consegnato un sacchetto viveri con bevande e premio di partecipazione. Il Presidente TAVANO al momento della premiazione ha voluto ringraziare il signor Questore di Caserta, Dr. Guido Nicolò LONGO, Il Dirigente del locale Commissariato di P.S., Dr. Arturo COMPAGNONE, il Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Caserta, Dr.ssa Giovanna Maria RIZZO, il Dirigente il 6° Reparto Volo della Polizia di Stato di Napoli/Capodichino, Dr Gianfranco CONSALVO, il Comandante della Polizia Municipale di Santa Maria Capua Vetere Dr Francesco DE ROSA, nonché tutti i ragazzi della Protezione Civile di Santa Maria Capua Vetere (CE) e dei Rengers di Curti (CE). - Un particolare ringraziamento è andato allo sponsor ufficiale della manifestazione, Sig. Dario DRAGONI, gioielliere di Santa Maria Capua Vetere (CE), e alle aziende: FERRARELLE, ACQUA LETE, BARILLA, PASTA REGGIA, PASTIFICIO DI MARTINO di GRAGNO (NA), MD LILLO discount e ADHOC Centro Distribuzione Alimentari, LATTE BERNA, FARMACIA DEL LEONE - SANTA MARIA CAPUA VETERE (CE) e CASEIFICIO LA BARONIA - PONTELATONE (CE), che con il loro contributo in prodotti, hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione sportiva. A termine della premiazione è stato effettuato il sorteggio dei premi messi in palio con la lotteria collegata alla manifestazione. In chiusura della manifestazione tutti e i convenuti, hanno fruito di un sostanzioso ristoro, preparato nel cortile dell’Associazione.

 

21 MAGGIO 2011

 CASERTA - Festa della polizia: 159 anni e la vitalità di un giovanotto. Una bella giornata di celebrazioni, iniziata la mattina in questura con la deposizione di una corona in ricordo dei caduti del Corpo, proseguita in serata nella Reggia.

" 159 anni e non li dimostra. Soprattutto a Caserta. La festa della polizia, tenutasi sabato, celebra il compleanno di un corpo che, ultimamente, ha collezionato un successo dietro l’altro nella lotta contro la criminalità organizzata e contro la camorra dei Casalesi in particolare.   Gli eventi sono cominciati alle 9,30 del mattino con la deposizione di una corona di fiori al monumento ai caduti della polizia posto nel cortile della questura. Alla deposizione hanno partecipato il prefetto, Monaco, il questore, Dr. Guido Nicolò LONGO, insieme al suo vicario Dr. Luigi Botte, il neo sindaco di Caserta, Del Gaudio, il dirigente della scuola Allievi Agenti, Dr.ssa Antonella VERTUCCI, della polizia stradale, Dr.ssa Giovanna Maria RIZZO, il cappellano provinciale della polizia Don Claudio NUTRITO, Funzionari e personale distaccato nei vari uffici della provincia, la nostra Sezione A.N.P.S. e la Sezione A.N.P.S. di Caserta. Alle 18,30, gli eventi si sono trasferiti nella splendida cornice del Teatro di Corte nella Reggia Vanvitelliana di Caserta, al cui ingresso è stata allestita una mostra fotografica dal titolo “Questa è la Mafia, ideata da Andrea e Gabriele Calabrò ( Andrea, figlio di Domenico Calabrò era presente in sala tra il pubblico). Il Questore ha dedicato la ricorrenza a tutti quelli che si sono battuti con coraggio contro tutte le mafie, in particolar modo al giudice Giovanni Falcone, del quale, il , 23 maggio, ricorre il 19esimo anniversario della sua morte. Erano presenti tutti: parlamentari e consiglieri regionali e provinciali tutti accolti dal “padrone di casa” Dr. Guido Longo. Era presente la nostra Sezione e la Sezione di Caserta, con i rispettivi labari; erano presenti il gonfalone della Provincia di Caserta decorato con la medaglia d’oro al valor civile, quello del Comune di Caserta e dei Comuni della nostra provincia ove sono operativi gli uffici della polizia di Stato. La cerimonia è iniziata con la proiezione di una bellissima clip, dedicata all’attività della Polizia svolta in provincia di Caserta, realizzato dalla collega Marilena Natale, prima firma della cronaca nera della Gazzetta di Caserta, insieme all'agenzia Ag studio di Aversa. Dopo la lettura del messaggio di augurio inviato del Capo della Polizia, Il questore Dr. LONGO, nel suo breve intervento, ha ringraziato tutto il personale e gli uffici di polizia per la fattiva collaborazione data anche a costo di sacrifici e ha esteso i ringraziamenti anche ai sindacati, alla stampa, a tutti gli enti civili e militari, con particolare menzione per i soldati che continuano a contribuire con tutte le forze di polizia nel pattugliamento delle città. Il Questore Longo ha terminato il suo intervento, tracciando un bilancio sulle varie attività, svolte dal personale della questura di Caserta nell’anno 2010.  639 persone arrestate, 14 latitanti catturati (tra cui Nicola Schiavone, Antonio Iovine, Vincenzo Schiavone, e Mario Caterino), 1622 persone denunciate a piede libero, 53261 veicoli controllati, 3 Kg di sostanze stupefacenti sequestrati, e 363 persone rimpatriate. L’elenco potrebbe continuare ancora per molto, ma ci limitiamo solo a questo. A seguire, il giornalista della Rai, Geo Nocchetti, ha intervistato il questore, che ha ricordato il grande impegno e il sacrificio di Falcone e Borsellino nell’azione di contrasto alla mafia. Infine, per il costante impegno dimostrato dal personale, anche a rischio della vita, sono stati consegnati una medaglia d’argento al valor civile alla memoria ritirata dalla mamma dell’Agente Giuseppe Baccara. Inoltre, sono state ufficializzate 11 promozioni per merito straordinario, un encomio solenne al dott. Morabito, capo della squadra mobile di Caserta, e un encomio all’assistente  capo Giuseppe Grimaldi. Sono stati consegnati, infine, altri 34 encomi solenni, 49 encomi e 12 parole di lode. La serata si è conclusa con l’esibizione di alcuni cantanti lirici e di Fausto Mesolella, una dei componenti degli Avion Travel,  che hanno intrattenuto il pubblico. A conclusione, a tutti gli invitati, i ragazzi dell’Istituto alberghiero di Caserta hanno offerto un rinfresco con l’ormai collaudato sistema del catering.

18 APRILE 2011

 

il Sig. Questore della Provincia di Caserta, Dr. Guido Nicolò LONGO, ha organizzato il precetto pasquale presso la chiesa di S. Antonio in Caserta. La celebrazione è stata officiata dall’Arcivescovo della Diocesi di Caserta, Mon. Pietro FARINA e dal Cappellano della Polizia di Stato, Don Claudio Nutrito. L’Arcivescovo nell’omelia, ha espresso vivo apprezzamento per l’opera svolta dal personale di Polizia in servizio ed ha ringraziato l’A.N.P.S. per la numerosa presenza. La messa è stata animata dal coro diocesano della Diocesi di Caserta. Alla cerimonia erano presenti il Prefetto di Caserta, Dr. Ezio MONACO, il Questore, Dr. Guido Nicolò LONGO,   il V. Questore Vicario, Dr. Luigi BOTTE, il Direttore la Scuola Allievi Agenti di Caserta, Dr.ssa Antonella VERTUCCI, il Comandante la Sezione Polizia Stradale, Dr.ssa Giovanna RIZZO e i familiari delle vittime del dovere. Prima della Benedizione, il Cappellano della Polizia di Stato, Don Claudio Nutrito, ha ringraziato tutti i convenuti ed ha espresso vivo apprezzamento all’A.N.P.S. per la costante e fattiva collaborazione nella commemorazione delle vittime del dovere della Provincia di Caserta.

2 e 3 APRILE 2011

 

L’ASSOCIAZIONE IN PELLEGRINAGGIO A SAN GIOVANNI ROTONDO E ALLA GROTTA DI SAN MICHELE A MONTE SAN’ANGELO (FG).

 

 Un gruppo di 50 persone fra soci, familiari e simpatizzanti della Polizia di Stato, guidata dal presidente Michele TAVANO, nei giorni 2 e 3 aprile, ha effettuato un pellegrinaccio a San Giovanni Rotondo per visitare i luoghi ove è vissuto e morto San Pio da Pietrelcina. La comitiva che ha preso alloggio all’Hotel “l’Approdo”di S. Giovanni Rotondo (FG), dopo la visita alla Tomba del Santo, hanno percorso in preghiera la via Crucis a termine della quale si sono raccolti per la santa messa. Il giorno 3 la comitiva ha fatto visita alla Grotta di San Michele Arcangelo sita a Monte San’Angelo (FG), dove hanno visitato i luoghi ed ascoltato la santa messa.   Subito dopo si sono ritrovati nel ristorante dell’Hotel ove hanno gustato le delizie del luogo. Nel pomeriggi si sono recati al Santuario della Madonna dell’Incoronata dove hanno fatto visita. Dopo una preghiera e una breve sosta hanno fatto rientro in sede.

20 MARZO 2011

 

Nell’ambito delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’unità d’Italia, una rappresentanza della Sezione A.N.P.S. in uniforme sociale e con il labaro, ha voluto rispondere all’appello del Presidente della Repubblica con il suo “presente” come sempre e dovunque si onora la patria. Nel luogo conclusivo della famosa battaglia del Volturno, il Presidente Michele TAVANO e un nutrito gruppo di soci, insieme a docenti e scolaresche dell’Istituto Scolastico “Pier Delle Vigne” di Sant’Angelo in Formis Capua (CE), si sono recati al cimitero garibaldino per una commovente commemorazione storica. La cerimonia ha avuto inizio con l’alzabandiera accompagnata dalle singolari note del “ silenzio” del Maestro Franco MONACO e seguita dall’inno di Mameli. Presenti alla cerimonia, oltre ai docenti, la Dirigente del 2° Circolo Didattico di Capua (CE), Dr.ssa Patrizia COMUNE, Autorità Civili, Militari e Religiose e due gruppi “giovani garibaldini”.

 

  

8 MARZO 2011

 

L’ASSOCIAZIONE OMAGGIA LA DONNA

  E’ con questo spirito che il Presidente della Sezione Michele TAVANO, unitamente al Consiglio direttivo, ha voluto riunire, presso il ristorante “Valle Verde” di S. Angelo in Formis (Capua) (CE), il maggior numero possibile di soci con le rispettive consorti, oltre 140 persone, fra soci, loro familiari, e simpatizzanti dell’Associazione della Polizia di Stato. Il Presidente nel salutare tutti i convenuti ha illustrato le origini della giornata della festa della donna sottolineando la figura della donna nell’attuale società per i successi sinora raggiunti in tutti i campi, ma anche il ripetersi di violenze e abusi cui oggi le donne sono ancora vittime. Nel corso della serata  è stato consegnato a tutte le donne presenti un pensierino offerto dal Consiglio direttivo. La serata è stata allietata da un piano bar, che con le sue musiche e canzoni melodiche ha consentito ai partecipanti di esibirsi, tra una pietanza e l’altra in balli latino-americano, liscio e karaoke. La serata si è conclusa con un festoso brindisi finale sulle note della marcia di Radetzky, con l’augurio di ritrovarsi anche il prossimo anno.

 

15 GENNAIO 2011

 ASSOCIAZIONE POLIZIA DI STATO,   ASSOCIAZIONE CARABINIERI, ASSOCIAZIONE AVIS , ASSOCIAZIONE , C.I.F. E A.V.O , IN CAMPO PER LA RACCOLTA FONDI PER LA RICERCA “PRO TELETHON

 La manifestazione organizzata dalle Associazioni Polizia di Stato, AVIS, Associazione Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere; Associazione A.V.O. e C.I.F. di Caserta, tenutasi sabato sera 15 gennaio c.a., presso il ristorante “Valle Verde” di Sant’Angelo in Formis Capua, ha riscosso notevole successo; soddisfatti i Presidenti: Ispettore Michele TAVANO per l’A.N.P.S , Paolo ANDREOZZI Associazione Carabinieri, Umberto DI GENNARO Associazione AVIS, Assunta AMELIO Associazione A.V.O. e Rosalba BOSCO Associazione C.I.F. La manifestazione ha visto la partecipazione di 300 persone tra soci e simpatizzanti delle cinque associazioni le quali hanno scelto questa particolare manifestazione per dare inizio alle attività sociali del sodalizio che hanno il solo scopo di raccogliere fondi da destinare alla ricerca genetica. I gruppi guidati dai rispettivi Presidenti, anche questa volta hanno dato prova di senso civile, spirito di abnegazione e di solidarietà. La serata è stata allietata da “I CHIATTONI ANIMATI” duo comico napoletano che con il loro show hanno coinvolto tutti i presenti. Nel corso della serata sono state effettuate tre tombolate e una lotteria il cui ricavato, 1300.00 euro, è stato dato in beneficenza alla fondazione Telethon che si occupa della ricerca genetica. I presidenti, ringraziano tutti i partecipanti per la loro lodevole generosità, con l’augurio che nel futuro siano sempre più numerose tali manifestazioni.